fbpx
Contattaci al numero 0971 410577 o all'indirizzo info@gabriellagrassi.it
Contattaci al numero 0971 410577 o all'indirizzo info@gabriellagrassi.it

L’intervista alla Dottoressa – Dentista Moderno

Intervista alla dottoressa Gabriella Grassi dello Studio Dentistico Gabriella Grassi a Potenza

UN’ESPERIENZA DI SUCCESSO

Gabriella Grassi, odontoiatra libero professionista di Potenza, con 25 anni di esperienza nel settore odontoiatrico e della medicina estetica, dopo essersi adeguatamente formata e aver istruito anche il personale di studio, ha iniziato a eseguire anche dei trattamenti di ringiovanimento del volto, a completamento dei trattamenti odontoiatrici. «Ci si deve formare bene, dopodiché», spiega Grassi, ora docente nei corsi di formazione (l’abbiamo incontrata a Milano, lo scorso settembre, in occasione del corso Ecm “La medicina estetica in odontoiatria”, organizzato dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Milano), «si può e si deve lavorare sul paziente sia fuori sia dentro la bocca. D’altronde, già quando lavoriamo con protesi piuttosto che con ortodonzia o trattamenti di conservativa stiamo intervenendo

esteticamente in maniera significativa sul volto. Esternamente si possono utilizzare sostanze quali l’acido ialuronico per il ringiovanimento del volto, oppure dispositivi elettromedicali come la radiofrequenza o l’ossigenoterapia, perché quel che si vuole comunicare al paziente, quando si lavora a 360 gradi, è poter ottenere un risultato soddisfacente per entrambi, valutando e pianificando l’intra e l’extra orale in maniera assolutamente complementare: per questa ragione preferirei che si parlasse di odontoiatra extra-orale, anziché di medicina estetica».

La formazione corretta consente di sapere cosa fare, quando iniziare e quando finire, dice Grassi, nonché dove fermarsi e come comportarsi nei confronti del paziente.

«Il nostro somiglia al metodo maieutico», spiega l’odontoiatra di Potenza, «perché attraverso il dialogo e il confronto, proprio come faceva Socrate, cerchiamo di portare il paziente a uno stato di consapevolezza sulle sue vere esigenze, cercando di fargli comprendere quale sia il trattamento migliore, di cosa ha realmente bisogno: infatti, la soluzione arriva dopo uno scambio di opinioni, dove si spiega al paziente cosa si può fare o meno e in quale ordine, e si
condivide il piano di trattamento».

Gli investimenti dell’odontoiatra poi, interessato ad ampliare le proprie competenze nell’ambito della medicina estetica, possono e devono essere calibrati e graduali, così suggerisce Grassi. «Non ha senso seguire un corso di un giorno», dice l’odontoiatra esperta di medicina estetica, «e subito impegnarsi in investimenti importanti per l’acquisto di attrezzature costose: meglio iniziare gradualmente e, come ho fatto io, man mano che si va avanti nella formazione, elemento alla base di tutto, stabilire anche l’impegno economico da intraprendere».

Con la consapevolezza che la medicina estetica, proprio come le altre branche dell’odontoiatria, è una disciplina specialistica che come tale deve essere affrontata, ma anche utilizzata. «Sono una sostenitrice della multidisciplinarietà», conclude Grassi, «è finito il tempo di quando tutti sapevano fare tutto: oggi ci si deve confrontare tra professionisti e partendo dalla bocca, mettendo al centro la persona e non solo i suoi denti, intraprendere un lavoro di equipe a beneficio del paziente, con la consapevolezza che l’odontoiatria è cambiata, non è più quella di un tempo».

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi