fbpx
Contattaci al numero 0971 410577 o all'indirizzo info@gabriellagrassi.it
Contattaci al numero 0971 410577 o all'indirizzo info@gabriellagrassi.it

Implantologia

Nella sua semplicità è una tecnica altamente sofisticata.

“La semplicità è la suprema sofisticazione”
(Leonardo da Vinci)

Consente, con elevata predicibilità, affidabilità e sicurezza, di ripristinare una dentatura del tutto paragonabile ed indistinguibile da quella naturale.

La procedura è indolore ed il risultato finale rispetta i più alti standard qualitativi estetici e funzionali.

Le possibilità terapeutiche della riabilitazione orale con impianti sono molteplici ed estremamente personalizzate per ogni singolo paziente, dalla scelta dell’impianto alla protesi che sarà sostenuta dagli impianti stessi.

È possibile, lì dove le condizioni lo consentono, stabilizzare una protesi immediatamente dopo il posizionamento degli impianti per consentire al paziente di ritornare a sorridere.

LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI

Quali sono i pazienti che possono affrontare l’intervento?

Praticamente tutti i pazienti possono affrontare l’intervento. Le controindicazioni mediche assolute al posizionamento degli impianti sono molto rare.

Esiste rigetto in implantologia?

Il rigetto non esiste in quanto il materiale utilizzato in implantologia è biocompatibile e quindi non viene riconosciuto come corpo estraneo dal nostro organismo. Quello che si definisce rigetto in realtà è, a volte, un’infiammazione dell’impianto (perimplantite) che con una normale igiene non accade.

Quanto dura l’intervento?

Dipende strettamente dalla complessità dell’intervento: da pochi minuti per un impianto singolo in presenza di un volume osseo sufficiente ad alcune ore se si devono posizionare numerosi impianti in una cresta che deve essere ricostruita o nei rialzi di seno mascellare bilaterali quando si posizionano gli impianti completamente su tutta l’arcata priva di denti e con poco osso.

L’intervento è doloroso?

Assolutamente no, il paziente viene adeguatamente anestetizzato con anestesia locale aggiungendo eventualmente il protossido d’azoto o farmaci per bocca che aiutano nella sedazione del paziente.

Gli impianti hanno sempre successo?

Gli impianti hanno un’elevata percentuale di successo quasi pari al 100%. Molto dipende anche dalle caratteristiche ossee, dalla gestione quotidiana eseguita dal paziente e dai regolari controlli professionali eseguiti che ovviamente, come per i gli elementi naturali (denti), è necessario effettuare.

Di quale materiali è realizzabile la protesi su impianti?

Le capsule possono essere di due tipi: metallo-ceramica (lega nobile) e zirconio. Le prime hanno una struttura interna metallica e sono ricoperte da ceramica esternamente. Vengono realizzate in laboratorio successivamente alla presa dell’impronta.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi